7 mesi di attività da svolgere dell'auditorium: i costi.

 

I cittadini non avranno dimenticato che l’Amministrazione proponeva la demolizione di Palazzo Sirena perché la valorizzazione dell’Auditorium avrebbe portato 10 euro a persona all’economia francavillese ogni qualvolta si sarebbe tenuto un evento.
In attesa di conoscere dai commercianti se questo sarà il riscontro realistico a fine anno, possiamo comunque fare una prima valutazione dei costi di gestione programmati e sostenuti  per i primi mesi del 2018.
Inaugurato a metà dicembre 2017, l’Auditorium ha comportato da allora e fino alla metà di aprile 2018, una spesa di euro 12.480, corrisposta all’Associazione Visit Francavilla, che si è occupata di aprire e chiudere l’immobile, sorveglianza, biglietteria, fornitura di personale per gli impianti e loro manutenzione e conduzione, gestione biglietteria, servizi di sala, oltre che essersi assunta l’obbligo dell’integrazione dell’impianto audio visivo (anche se poi diverse ed ulteriori sono state le determine con cui sono stati noleggiati i service per le rappresentazioni per lo stesso periodo).
La gara per la gestione Auditorium ha previsto che la direzione artistica restasse affidata al Comune, insieme alle operazioni di marketing ed alle scelte strategiche, ed è stata aggiudicata a metà aprile alla stessa Associazione Visit Francavilla, con un ribasso del 4% (base d’asta euro 34.115, aggiudicazione euro 32.747).
Per il programma degli eventi l’Amministrazione ha stabilito per il periodo gennaio – giugno 2018 (mesi compresi) una spesa di complessive euro 60.000,00 iva inclusa.
Sono rientrate nell’importo :
-le rappresentazioni cinematografiche di una locale Associazione culturale per complessive euro 2.500,00, 
-6 rappresentazioni teatrali organizzate dal Maestro Arturo Scognamiglio per euro 29.750,00 (organizzazione artistica, coordinamento ed assistenza agli eventi, ufficio stampa, costi per service, noleggio pianoforti):  7 vizi napoletani, Birre e rivelazioni, Telè, Tiny Dinamite, Totò che tragedia, Figli di un brutto Dio, Nightmare 7.

-7 eventi organizzati dal Maestro Davide Cavuti per euro 32.800,00 (medesime voci sopra già riportate, oltre alla fornitura di attrezzature varie): World Songs, Forza il meglio è passato, Fabio Concato e Paolo di Sabatino, Lino Guanciale in Itaca, Dario Deledda Trio e Gegé Telesforo, Festival della Scienza, Jacopo Ortis.
(Il totale di euro 65.050 che supera l’iniziale importo previsto dalla Giunta  è stato autorizzato con ulteriori atti?)
I due eventi del 2017 sono costati euro 6.900,00 (a dicembre l’evento inaugurale e la manifestazione del 22).
La promozione delle manifestazioni per l’intero 2018 è stata affidata alla Ditta Ti Guido marketing, già curatrice di campagne comunicazionali per conto del Comune: per l’importo di euro 19.520,00 vengono coperte 
-la gestione delle pagine Facebook Visit Francavilla e Palazzo Sirena, 
-la gestione della comunicazione social per tutti gli eventi organizzati dal Comune ivi compresi gli spettacoli presso Auditorium Sirena,
-la realizzazione di dirette live negli eventi principali,
-la realizzazione di 40 campagne Facebook per le manifestazioni più significative.
Un piccolo particolare: dopo tutti i fondi destinati alla demolizione di Palazzo Sirena ed alla ristrutturazione dell’Auditorium, l’Amministrazione si è accorta che mancavano i camerini per gli attori ed interpreti: ha comprato, per tale ragione, tessuti per realizzarli spendendo 236,00 euro. In stoffa.
Al momento possiamo quantificare in 103.000,00 euro la spesa certa per gli eventi Auditorium dalla ripresa della sua attività di metà dicembre ad oggi.
Ammesso e non concesso quanto indicato dal Sindaco, il quale, ripetiamo, giustificava la demolizione di Palazzo Sirena e la valorizzazione del solo Auditorium perché vi sarebbero stati  maggiori incassi alle attività locali di 10 euro a persona per ogni serata con evento, i commercianti di Francavilla hanno potuto registrare (274 posti x10euro x 27 eventi)= 73.980,00 euro di maggiori incassi contro 103.000 di spesa pubblica.
Speriamo che almeno il Comune abbia incassato una somma sostanziosa dalla vendita dei biglietti per recuperare gli esborsi di gestione e che i commercianti abbiano guadagnato quanto inizialmente prospettato dal Sindaco.
Abbiamo i nostri dubbi.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Aria Nuova per Francavilla //