Condividi
periferia cittadina

 

La città dimenticata

 

Troppi proclami e tante opere faraoniche hanno finito per trasformare la maggior parte dei quartieri cosiddetti residenziali in veri e propri dormitori. Ovviamente la presenza della macchina pubblica e’ percepita, ma con una percentuale a dir poco misera.

Di fatto se non fosse per la raccolta differenziata dei rifiuti un cittadino del quartiere Pretaro, ma anche di realta’ piu’ longeve come ad esempio Villanesi non vedrebbe l’ombra di rappresentanti della funzione pubblica se non in caso di manifestazioni partitiche o situazioni di facile apparizioni mediatiche. A questo punto la disaffezione dei residenti dei quartieri non centrali e’ giustificata: non si puo’ pensare che un cittadino possa avere a cuore la propria citta’ se l’amministrazione non crea territorialita’ e attaccamento alla citta’.

 

Non si puo’ pensare che i cittadini debbano essere semplici “bancomat” in periodo di scadenze. La funzione pubblica si esercita con e per i cittadini coinvolgendoli sempre. Il caso dei tigli e del palazzo Sirena sono sintomatici per entrambe gli aspetti trattati: disaffezione e assenza della macchina amministrativa sulla complessita’ del territorio. Se non fosse stato per il comitato la scelta dell’amministrazione di abbattere i verdeggianti tigli sarebbe stata attuata in barba al parere della cittadinanza, mentre per il secondo ambito la risposta puo’ essere data dalle pessime condizioni del marciapiede lato mare del tratto che collega Francavilla a Pescara.

 

Sperando che ci si avveda della disaffezione chiudo questo pezzo con l’auspicio che un primo tassello possa essere la concessione della casetta in zona Pretaro a una moltitudine di associazioni cosi’ da risvegliare lo spirito di cittadinanza che c’e’ e che per troppo e’ stato maltrattato.

 

Alessio Camplone

Commenti

Inserisci il codice
* Campi obbligatori
Attenzione: tieni presente che i contenuti di questo modulo non sono criptati
  • loans (martedì, 23. maggio 2017 12:21)

    For Women Herbal in Arlington .

  • rocco storto (domenica, 21. luglio 2013 07:56)

    Diamo a Cesare quello che è di Cesare: realisticamente non è tutta colpa dell'attuale Amministrazione se le "periferie" non ricevono la stessa attenzione come il "centro"! La conformazione geografica
    del nostro territorio non aiuta molto chi amministra: il sangue fa fatica a raggiungere le estremità del corpo umano...! Quando il cuore non funziona bene c'è bisogno di analizzare le cause
    dell'anomalo funzionamento...! Tempo fa, anche il primo cittadino se ne è reso conto: è tempo di fare un tagliando! A quanto pare, il meccanico non pare abbia fatto bene il suo lavoro... Ma forse il
    tagliando non basta... bisogna invece sostituire il motore...?

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Aria Nuova per Francavilla //